curiosità · società

I bagni in comune son così una brutta idea?

Una delle nazioni dove la parità di genere è vanto, applica la sua uguaglianza in tutti gli ambiti… persino quando si tratta di igiene. Infatti se in Italia i bagni sono rigorosamente divisi tra uomini e donne in Svezia i bagni sono unici, per tutti, senza distinzione di genere.

c2d93f6e987a37f9909b6a87c242b663Insegna usata per i bagni in comune \ Fonte: emaze.com

Una scelta che potrebbe sorprendere alcuni e far ridere altri. Ragionandoci su dal punto di vista pratico è una scelta indubbiamente vantaggiosa. Lasciando stare gli stereotipi di genere, nei luoghi pubblici la fila per il bagno delle femmine è sempre infinita mentre il bagno degli uomini è decisamente meno affollato. I maschi la fanno d’impiedi, non hanno borse nè mestruazioni a cui badare… mentre noi, povere creature, dobbiamo destreggiarci tra borse, fazzoletti, assorbenti e ci vuole una certa flessibilità ad accovacciarsi senza appoggiarsi sul bagno… magari il tutto con la porta con il lucchetto rotto. Non è uno scherzo, è la verità. Quindi a parità di bagni disponibili mettere insieme uomini e donne può portare ad un bilanciamento che porterebbe ad una fila “adeguata” con meno disagi per tutti… ovviamente nella speranza che qualche maschietto non faccia l’idrante. Ma in 8 mesi in Svezia non ho (quasi mai) trovato un bagno allagato di pipì. Forse le mamme svedesi dedicano più tempo all’addestramento del “tiro a segno” dei figli.

 

 

Annunci

7 thoughts on “I bagni in comune son così una brutta idea?

  1. Nella mia università (in Italia) i bagni erano misti. Non mi è chiaro se fosse perché era una facoltà prevalentemente maschile o perché erano stati così vandalizzati che i cartelli indicanti quali erano per maschi e quali per femmine sono spariti subito, insieme agli assi del cesso, le maniglie e i ganci (tutto il rubabile è stato rubato). I maschi la facevano sempre sul bordo, non c’era nessun asse da alzare, e io gli gridavo improperi ogni volta. Quindi posso confermare che è una questione di civiltà, ma che non ci arriveremo mai neanche se dovessimo unificare i servizi igienici nelle scuole.

    Liked by 1 persona

    1. “. Non mi è chiaro se fosse perché era una facoltà prevalentemente maschile o perché erano stati così vandalizzati che i cartelli indicanti quali erano per maschi e quali per femmine sono spariti subito”…. ma era l’università di Arsenio Lupin? Incredibile! si, è sfortunatamente una questione di educazione… e finchè i genitori perdono il contatto con i figli con la scusa del buonismo allora si finisce così. Che tristezza.

      Liked by 1 persona

      1. Quando io frequentavo l’università, l’edificio era in uso da almeno 10 anni per cui i primi che videro i presunti cartelli già erano laureati. L’informazione non si è tramandata. So che però dove c’erano gli uffici del personale avevano bagni separati.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...