sanità

Primo approccio con la sanità svedese

Ultimamente ho avuto dei sintomi che la scorsa settimana mi hanno portata a chiedere assistenza alla sanità svedese. Ho aspettato anche troppo a dir il vero, ma sulla sanità di questa nazione ne avevo sentite dire di cotte e di crude e non mi fidavo granché. E già sono diffidente di mio.

Se si vedono le recensioni su internet od opinioni di italiani si potrebbe rimanere un po’ a bocca aperta ed impauriti.

Generalmente le obbiezioni sono queste:

  1. Tempi lunghissimi per ottenere una visita con un medico di base (circa 3/4 mese)
  2. Medico che sembra non volerti dare retta e sminuisce i sintomi (incompetenza + freddezza)
  3. Resistenza per analisi specialistiche

Dopo un po’ di persone che mi hanno detto “buona fortuna” mi sono decisa ad andare al più vicino Vårdcentralen, una sorta di centro medico che raggruppa vari medici di base. Ci sono andata per iscrivermi, altrimenti mai andare al Vårcentralen per prendere un appuntamento o per cercare il dottore.

La signorina alla reception gentilmente e pazientemente mi ha spiegato la procedura.

Mi è stato assegnato un medico con un nome italiano (Ernesto). Ho detto tra me e me: era destino! Quanto possibilità avevo di trovarne uno? No, seriamente.

Era venerdì scorso e la signorina mi ha invitato a chiamarlo il Lunedì mattina.

L’orario in cui puoi raggiungere un medico al telefono qui a Karlstad è dalle 8.15 alle 9.15. Un’ora al giorno. Insomma, anche questo mi ha un po’ lasciata stranita… e se mi succede qualcosa alle 10? Vai a sapere. Ospedale per forza? Devo dire che su questo aspetto della disponibilità dovrebbero migliorare.

Lo chiamo e mi aspettavo un appuntamento in là, tipo in 2 settimane o anche 3. Ma dopo la descrizione dei sintomi mi dice di andare da lui venerdì mattina.

SOLO 4 GIORNI? Prima sorpresa positiva.

Il dottore in un buonissimo inglese si è presentato cortesemente, si era appuntato già i miei sintomi e mi ha chiesto di dirgli tutto da capo, mi ha visitata e ha cercato di rassicurarmi sui sintomi, escludendo i miei pensieri (sono un pochetto ansiosa…). Senza andare troppo nel dettaglio ho avuto problemi ad un seno in passato.

Alla fine mi ha chiesto se effettivamente per il resto stessi bene e gli ho riferito della stanchezza generale ed ero pronta a combattere per degli accettartamenti ma senza andare oltre mi ha prescritto le analisi del sangue, con un “dopo vediamo cosa fare”.

Mi chiede se ho mangiato. Gli rispondo di no. E mi dice “vai in laboratorio che te le fanno subito”. 5 minuti ed analisi del sangue fatte. Con un’infermiera con le mani di fata che per la prima volta in vita mia mi prende al primo botto la vena (le ho piccole) e non mi lascia un nerone apocalittico.

Mi dovrebbero arrivare in 2 settimane nella cassetta delle lettere.

Sarò stata fortunata, sarà che vivo in una cittadina medio-piccola,  vai a capire… ma per ora non ho niente di cui lamentarmi. Li ho trovati competenti e rassicuranti. Per niente teste di *melone* come ho sentito dire in giro.

Piccoli appunti per chi vive in Svezia:

  1. Ogni visita al medico di base NON è gratuita, costa 200 kronor (20 euro circa – si, sono soldi ma dimenticatevi delle file di vecchiette che non avendo niente da fare vanno a chiaccherare col medico lol) ma…
  2. Le visite del sangue sono gratuite

Raccontatemi le vostre esperienze se ne avete. Un abbraccio! 🙂

Annunci

6 thoughts on “Primo approccio con la sanità svedese

  1. Ho provato con gravidanza e parto la sanità francese e devo dire che forse anche loro sono un pò “asciutti” ma preparatissimi e comunque rassicuranti. La struttura dove mi hanno seguita e dove ho partorito era l’unica della zona, molto organizzata e pulita. Un bel ricordo.

    Mi piace

  2. Il sistema sanitario italiano ha tante pecche…troppe, sicuramente, e la cronaca recente ne ha dato ulteriori conferme…ma all’estero non è che siano poi sempre così efficienti. Credo che qui in Italia vi siano anche molti medici ed infermieri che riescono, nonostante la situazione, a sopperire alle mancanze e le incompetenze di altri. Gli altri sono quelli che speculano sulla salute e purtroppo si sentono intoccabili perché hanno in mano realmente la vita di un persona. In definitiva, ovunque, se si ha denaro si ha un certo trattamento…in caso contrario, bisogna raccomandarsi a qualcuno lassù 😉

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...