immigrazione · politica

La Svezia NON ha chiuso i confini

E’ da un po’ che vedo gente sui social network sparare sentenze su tutto senza neanche sapere il significato di quanto si scrive.
Si, perché secondo alcuni la Svezia ha fatto come Trump. Tutto è partito da un tweet di Presa Diretta di ieri sera. Vi lascio alcuni commenti.
svezia1-vert
Secondo loro la Svezia ha chiuso. E’ finita l’era dei confini aperti e dei richiedenti asilo.
Prima di tutto, per chiarire, bisogna distinguere il controllo dei confini dal discorso sui richiedenti asilo.
Sono due cose ovviamente correlate ma che vanno su binari completamente diversi.
Per quanto riguarda i confini la Svezia da Novembre – così come Germania e Danimarca per citarne alcune – hanno deciso di inserire controlli su alcune parti dei confini all’interno di Schengen. I rifugiati non c’entrano, si tratta di sicurezza nazionale ed immigrazione clandestina.

europa
Fonte: ec.europa.eu

Vi lascio il link cosicché possiate leggervi l’intero provvedimento sul sito dell’Ue.
I controlli per quanto riguarda la Svezia sono nei porti a sud ed ovest e riguardano anche il confine con la Danimarca, con il ponte di Öresund che collega Malmö con Copenaghen.
Importante: la misura è temporanea. La durata massima concessa alla Svezia è di tre mesi, e la sua fine è prevista l’11 Febbraio 2017.

sveziaaaaa.PNG
Fonte: Google Maps

I controlli non sono totali, così come ammette la Polizia Svedese “nun ce stanno li sordi!” (“Will the Swedish Police carry out checks on every person entering Sweden? No. The Swedish Police will not have enough resources to ensure that.“).
Importante annotazione fatta dalla Polizia stessa: i controlli NON impattano sulla possibilità di richiedere asilo. Infatti l’asilo si può richiedere anche al confine, non bisogna essere già necessariamente in territorio svedese. Qua vi lascio il link alla pagina dedicata alle misure dovute ai controlli straordinari sull’area Schengen sul Polisen.se.
E per quanto riguarda i richiedenti asilo?
La Svezia generalmente ha mantenuto invariate le regole generali per applicare. Anche se stanno diventando più rigide – così come quelle sull’immigrazione.
Se per chiunque ottenere la residenza è diventato più difficile, così lo è per i richiedenti asilo. Basta vedere le ultime news dal Migrationsverket, il sito dell’Agenzia dell’Immigrazione Svedese, per capire che le cose in Svezia stanno cambiando.

Sweden6.PNG
Fonte: migrationsverket.se

Diventerà più difficile sia arrivare che restare (niente più work agreements per i rifugiati).
L’emendamento sul rifiuto di dare ancora assistenza (vitto e alloggio) a persone che hanno visto la richiesta di asilo respinta sinceramente lo vedo legittimo.
E’ una stretta, ovvio. Non una “chiusura delle frontiere”, né tanto meno come qualcuno dice “una misura alla Trump”. Non è una scelta motivata da odio razziale, né da pregiudizi né terrore di attacchi terroristici da parte di siriani ma da una semplice constatazione che credo si possa riassumere con un ‘non ce la facciamo’.
Il programma di richiesta asilo NON è stato sospeso, la quota rifugiati è stata mantenuta e non si costringono persone con visti regolari vederseli sospendere da un momento all’altro, bloccando l’ingresso ad intere Nazioni. Sono misure completamente diverse, quindi non ha senso comparare l’Executive Order di Trump alle misure svedesi perché sarebbe un grave errore e condurrebbe a un clamoroso misunderstanding.

Detto ciò, spero di essere stata chiara.

Un saluto a tutti!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...